L’obolo di Tridento

Ecco Orfeo ed Euridice
Quasi diecimila passi
Nelle strade di Tridento

Sulla terra che li incanta
Un coriandolo è irridente
Sotto un tacco che picchietta

E con versi d’Ungaretti
Nel seguire buon consiglio
Esser colti da un abbaglio

Tanti lampi tra i ritratti
Con lo sguardo di Giuditta
Che fa perdere la testa

Niente testa a quel traghetto
Ma al futuro suo nocchiero
Un presente già s’appresta

Come obolo a Caronte
La poesia di Mario Pasi
“Vorrei essere felice”

Questa voce è stata pubblicata in larima, poetica senza rima, rima poetica, rime in libertà e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...