Ad un terzo del mio ballo

Ecco Anchise che digrigna
Si dimena a brutto grugno
Degli acciacchi porta il segno
E vuol fartene consegna

Testimone di staffetta
D’una vita semiretta
Sembra quasi avere fretta
Darti quello che ti aspetta

Il titano lo accompagna
Col sogghigno porta rogne
E la legge del suo regno
Detta i tempi del disegno

Ma a portar il vecchio in spalla
Mi dispiace io non mollo
Non mi fermo sul più bello
Ad un terzo del mio ballo

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in larima, poetica senza rima, rima poetica, rime in libertà e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Ad un terzo del mio ballo

  1. concetta ha detto:

    Bellissima!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...