La mamma degli ultras

Oggi tocco un tema a tutti noto: la stupidità dei tifosi ultras. In particolare, di quei tifosi ultras che popolano le curve degli stadi di calcio. Si sa che non sono molti i neuroni che circolano da quelle parti e quei pochi che si ritrovano sono come atrofizzati a causa del lungo riposo a cui son stati destinati. Gli unici neuroni funzionanti, di solito, sono utilizzati per la ripetizione ossessiva di cori che sono tanto più odiosi quanto più sono i decibel raggiunti. Si va dai cori di puro razzismo ( “Mangiava le banane sotto casa di Weah: Ibrahim Ba, Ibrahim Ba”; “Eto’o, Eto’o, Eto’o, Eto’o l’hanno visto con le rose all’uscita del metrò” ) ai cori di pura violenza ( “salivi al terzo piano con il rosario in mano e poi e poi e poi ti sei buttato sotto! Pessotto ora sei tutto rotto!” ) fino a quelli di pura demenza ( “tutti pazzi per Rosa Bazzi” ).

Cori, questi, che, ahimè, ho avuto modo di ascoltare dal vivo nelle poche volte in cui mi son ritrovato allo stadio. Forse è per questo che non mi ha stupito leggere la notizia di quel gruppo di ultras del Verona che, qualche giorno fa, durante la partita contro il Livorno, ha intonato cori vergognosi offendendo la memoria di Piermario Morosini, giocatore del Livorno morto lo scorso aprile sul campo di calcio.

Una notizia che non mi ha stupito ma che ovviamente mi ha fatto molto schifo. Ed ha confermato una mia tesi: sarebbe necessario bandire per sempre questi gruppi dagli stadi non appena colti sul fatto. So bene che l’impresa è alquanto ardua anche a causa della connivenza di molte società che, di fatto, sono diventate ostaggio di questi teppisti. Ma bisogna provarci.

Certo, come si dice sempre in questi casi, il problema non è solo di ordine pubblico, c’è un fattore sociale e culturale dietro a questo fenomeno. Ma da qualche parte bisognerà pur iniziare. Anche perché il tema non è destinato ad esaurirsi. Anzi, è destinato ad incancrenirsi sempre di più. Del resto, parafrasando un vecchio detto: la mamma degli ultras è sempre incinta.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in laprosa, libertà di prosa e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a La mamma degli ultras

  1. laulilla ha detto:

    Continuano, intanto, i tagli sulla scuola! Io ci vedo una relazione…! Ciao

  2. I tagli alla scuola? Altro argomento noto negli ultimissimi giorni. E di cazzate se ne leggono…anche quelli che stanno al governo di neuroni ne han persi parecchi…ecco che intravedo un legame che vi era sfuggito.

    • lacapufresca ha detto:

      Altro legame interessante e che in effetti ci era sfuggito. Sai cos’è, questo era più difficile da individuare perchè l’attuale governo è passato agli onori della cronaca come governo di cervelloni.
      Solo che leggendo alcuni provvedimenti o ascoltando alcune dichiarazioni forse anche in questo caso non sempre i neuroni stanno facendo bene il proprio lavoro!

  3. Don(n)a ha detto:

    Quale parte del cervello viene impegnata per svolgere la professione del tifoso?
    Paragonando il cervello a un corpo umano…il colon!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...